Boom del PIL, chi dice la verità fra i titoli sui giornali e frigoriferi vuoti? Scopriamolo in 7 punti

Sarà vero boom del PIL?

Sui giornali è boom del PIL, ma chi dice la verità fra l'aumento dei costi fissi e le bottiglie di champagne stappate sui media? Forse tutti e due, ma "l'informazione" ci nasconde qualcosa.

Forse tutti siamo stati contagiati da questa grande euforia per i dati sul boom del PIL italiano che, a seconda della testata giornalistica balzano dal +6% al (udite, udite) +17%.

Ma allora come fai a non farti contagiare dall'ottimismo?

Innanzitutto, già il fatto che le stime passino da un tot per arrivare al triplo, dovrebbe farci dubitare che ci stanno prendendo in giro.
Ma poi nessuno - e ripeto, nessuno - ci spiega che queste stime sono legate a brevi periodi di rilevazioni e, soprattutto, nessuno ti fa notare che rispetto al -9% di un intero anno, sono un rimbalzino.

Ma a parte tutti questi discorsi il succo è un altro, ovvero: questi dati, oltre che essere sparati a mo' di titoloni, che cosa nascondono?
Sono dati positivi o c'è da starci attenti?


Sui giornali è boom del PIL anno su anno e siamo tutti contenti

boom del PIL secondo Il Fatto Quotidiano
boom del PIL secondo Il Fatto Quotidiano
Boom del PIL italiano
Pensate un po': sono COSTRETTI a rifare i conti...

Dati reali e previsioni ufficiali sul PIL

I dati ci informano che la perdita di PIL nel 2020 è stata del 9%.
Le previsioni più aggiornate per la fine del 2021 parlano di un rimbalzo del 5,9%. Fonte OCSE.

Come si calcola la ripresa rispetto al 2019?

Ciò che tutti tendono a dimenticarsi, specialmente quelli che vogliono dipingere una situazione più rosea di quella reale, è che i conti andrebbero fatti con gli ultimi dati pre covid e non con lo scorso anno, quando l'economia è rimasta piantata a terra.

Quindi, per semplificare, fatto 100 nel 2019, il calcolo da fare dovrebbe essere:

Boom del PIL o perdita netta?

 

Nel 2020, avendo perso il 9,6% rispetto al 2019, il nostro PIL si sarebbe attestato al 90,4 rapportato al 2019; e nel 2021, se faremo il +5,6% raggiungeremmo il 95,46 rapportato sempre al 2019.

Quindi rispetto alla fine del 2019 si prevede che l'Italia registrerà una perdita netta del 4,54% in due anni.

 


 

È tanto? È poco? Per stabilirlo facciamo un confronto con gli altri Stati del G7:

Paolo Cardenà: è davvero boom del PIL?
... ma allora sarà davvero boom del PIL?

 


 

Cos'è il PIL

Dal libro di Economia Spiegata Facile: "il prodotto interno lordo (il PIL appunto) misura il valore di mercato di tutte le merci finite e di tutti i servizi prodotti nei confini di una nazione in un dato periodo di tempo".

il PIL - dal libro di Economia Spiegata Facile
Cos'è il PIL - tratto dal libro di Economia Spiegata Facile - pagina 66.

 

Cos'è l'inflazione

In questo blog e sul nostro canale su YouTube più e più volte abbiamo parlato di inflazione basandoci su nozioni elementari e di base.
La principale è la seguente:

"Per inflazione si intende un aumento generalizzato dei prezzi"
"Per deflazione si intende un decrescita generalizzata dei prezzi"

Ogni volta ti ho messo in guardia dal considerare sempre l'inflazione come una brutta cosa e la deflazione come una manna dal cielo.
Questo perché se la deflazione è legata alla diminuzione dei salari e dall'aumento della disoccupazione, c'è poco da stare allegri.

Vice versa la moderata inflazione è un buon segnale quando gli aumenti, appunto, sono generalizzati, ovvero vanno toccare tutti o quasi i settori in tutte le loro filiere.
In un caso del genere, l'aumento dell'inflazione è un segnale positivo. Significa che l'economia è in salute, perché se l'economia va bene, vengono assunti più lavoratori, i salari aumentano; è vero che aumenteranno anche i prezzi - perché ci sarà maggiore circolazione di moneta - ma tutto ciò andrà a beneficio della collettività.

 

Ancora dal libro di Economia Spiegata Facile ti spiego il tranello della deflazione:

"... Ora, detta così sembra una cosa bella: i prezzi scendono, la moneta “vale di più”.

Be’ non è proprio così e per capire il perché occorre sapere da cosa deriva l’inflazione.
Una moderata inflazione è un segnale di vivacità dell’economia, mentre la deflazione è indice di stagnazione.

Il calo dei prezzi, legato alla deflazione, lo vediamo nella vita quotidiana quando i negozi sono vuoti e gli scaffali
restano pieni, perché i consumatori non hanno soldi da spendere".

Tra i principali effetti della deflazione, riscontriamo l’ossessione per la riduzione dei costi di produzione. Questo primo effetto spesso si riflette nell’abbassamento della qualità dei prodotti, nel taglio degli investimenti in ricerca, sviluppo e design, fino ad arrivare al taglio dei salari, alla precarizzazione, alla disoccupazione e alla chiusura delle aziende produttrici o alla loro delocalizzazione in Paesi in cui la produzione è a più basso costo.


Per rendere più chiari questi concetti base, abbiamo fatto un sacco di disegnini, di grafici e di cartoni animati usando come esempi gli alberi e le mele; il gioco del monopoli e i cartoncini degli imprevisti.


Il paniere dell'ISTAT per controllare l'inflazione

Con questo schema che ho voluto introdurre nel libro di Economia Spiegata Facile ho provato a spiegare meglio l'inflazione semplificando il funzionamento del cosiddetto paniere dell'ISTAT attraverso il quale gli statistici ci informano se l'inflazione è aumentata oppure no:

 

schema dell'inflazione dal libro di economia spiegata facile
L'inflazione - schema esemplificativo dal libro di Economia Spiegata Facile a pagina 193

 


 

Se uno o più prodotti aumentano di prezzo può dipendere da numerosi fattori, che non è scopo di questo articolo descrivere.
Alcuni possono essere l'aumento dei costi incluso l'aumento dei salari o nuove assunzioni in un determinato reparto oppure l'aumento dei costi vivi.
Un altro fattore può essere che la produzione ha subito dei cali dovuti ad una stagione sfavorevole dal punto di vista climatico, che ha ridotto la produzione dell'olio d'oliva oppure una malattia che ha decimato le vacche destinate alla produzione del latte con cui viene fatto il formaggio, ecc.

Quindi, se questo principio è stato ben compreso allora non sarà difficile per nessuno comprendere quanto sta accadendo in questo periodo.

 


 

VUOI RIUSCIRE A RENDERTI AUTONOMO NEL COMPRENDERE QUESTI ARGOMENTI
MA NON SAI COME FARE?
OGGI È SEMPLICE ED ECONOMICO, CLICCA SUL BOTTONE IN BASSO...
TE LO SPIEGO FACILE

copertina del libro di economia spiegata facile QUARTA EDIZIONE

riconoscimenti e premi al libro di Economia Spiegata Facile

CON PAGAMENTO SICURO E CRIPTATO

 

 

Il Covid-19 ha portato un cambio di paradigma, anzi no

Un'altra cosa che forse questo blog ha scritto prima di tutti è che il virus cinese non avrebbe mutato il paradigma (se non nelle nostre teste) ma avrebbe accelerato il processo di inclinazione del piano che la globalizzazione e l'euro avevano iniziato a inclinare in modo già irreversibile.

Ma cosa accade se i salari restano fermi e gli aumenti riguardano le tariffe dei trasporti commerciali con punte del 600% nel settore nautico; se il principale produttore di tecnologia ha assunto il monopolio e quindi condiziona i mercati mondiali; oppure se ci aumentano dei costi fissi in bolletta?

Gli aumenti dei trasporti commerciali possono fare bene all'inflazione?

fonte: corriere marittimo


Ecco i 7 motivi per cui i giornali parlano di boom del PIL ma non te li dicono

 

1) L'Italia è partita da sotto zero

Chi si ricorda i brutti tempi (fino al 2020) in cui si cresceva o si calava dello zerovirgola, per cui i Governi andavano a sbattere i pugni in Europa per chiedere di poter sforare i vincoli di bilancio dello zerovirgolazero?

Altro che quest’anno in cui il boom del PIL è persino del +6, ma che dico, del +17%.
Sì, vabbe’, ma rispetto a che cosa?

È ovvio che dopo un anno passato tra confinanti e chiusure delle attività, solo il fatto di riaprire segna un valore positivo rispetto a prima.

Per fare questo non servono maghi della finanza o strateghi della politica. Tutto è dovuto al commercio che è ripreso. Se mai, il fatto che durante la pandemia i consumatori - obtorto collo - abbiano preso l'abitudine di acquistare online, specialmente dai maggiori portali commerciali, ha fatto sì che il PIL alla ripartenza risultasse rallentato.

È naturale, visto che l'automazione e il passaggio da magazzino a consumatore, due fattori tipici di questo settore, prevede l'abbattimento dei costi (e di personale). Ma a questo va aggiunto la maggiore facilità di penetrazione di merci estere.
Tutto questo fa sì che, riducendosi complessivamente il lavoro, il PIL ne risenta negativamente.


Boom del PIL... di Amazon.
Si sa che, se elimini il contante, poi la gente è costretta a pagare le tasse...

2) L'aumento dei prezzi delle materie prime sta "aiutando" il boom del PIL

Secondo l'Istituto ISPI gli aumenti delle materie prime, a livello globale sono, rispetto il pre pandemia, del 40%.

Ora va da sé che se l'inflazione è indice di ripresa dei consumi, di nuove assunzioni di massa e di circolazione di nuova moneta nell'economia, il risultato che otterremo è il boom del PIL a favore di tutti.
Ma se il cosiddetto boom del PIL è legato solo all'aumento dei costi dei servizi dovuti a guerre commerciali e alle tasse, significa che in pochi ci guadagnano e tutti gli altri ci rimettono.

Vediamo alcuni altri esempi di costi aumentati e di tasse aggiunte...


3) La guerra geopolitica degli stretti marittimi

Ever Given blocca il canale di Suez

Una componente diventata essenziale nel nuovo aumento dei costi, si è avuta a partire dall'ormai celebre blocco del Canale di Suez.
A seguito di questo incidente ... internazionale... si è avuta una corsa alle strade alternative che ha così prodotto un aumento globalizzato dei pedaggi.

La guerra geopolitica sugli stretti marittimi fa aumenta il boom del PIL

fonte


4) Containers: l'aumento dei prezzi e dei noleggi contribuisce a far salire il PIL

In media il prezzo del container, inclusi i vari servizi ad essi collegati, è cresciuto del 300%.

Il prezzo del container fa aumentare il PIL

fonte

Container prezzi aumentati del 300 percento

fonte

... E così via...

Aumentano le spese di spedizione dei container

fonte


Legate all'aumento dei trasporti ci sono le problematiche delle importazioni dalla Cina che alcuni definiscono ricatti...

boom del PIL secondo Il Fatto Quotidiano

fonte

aumentano i prezzi dei container

Non c'è crisi, dunque, solo nel mercato dei semiconduttori; a partire dal blocco del Canale di Suez l'intera logistica via mare ha subito una impennata dei costi. I prezzi dei trasporti sono decuplicati, e molte merci fatte produrre da aziende occidentali sono bloccate in Cina.

fonte


Del resto dell'aumento dei prezzi del made in Cina avevamo già parlato nel precedente articolo: Cina, ecco come ha assunto la guida del mondo in 9 mosse.


A qualche lettore tra i più attenti verrà da sfregarsi le mani: se non conviene più produrre in Cina, finalmente le aziende che hanno delocalizzato, torneranno a produrre in Italia.
Sì, si fa presto a dirlo.
Ma il problema è che ormai con i salari che si ritrovano oggi, gli italiani potrebbero acquistare ben poche delle merci Made in Italy.


5) L'aumento dei prezzi di semiconduttori e semilavorati green made in Cina

Anche di questo abbiamo già parlato nel precedente articolo e quindi non ci ripeteremo. Ma se da una parte la Cina (e Taiwan, monopolista del settore dei semiconduttori) aumenta i prezzi, dall'altra la UE ha deciso di legarsi mani e piedi a questo destino. Complimenti (leggi).

"... a partire dal secondo trimestre 2021 diversi chipmaker hanno applicato aumenti al prezzo dei semiconduttori che variano dal 10 al 30% in più rispetto a quelli del Q1 2021."

"oltre 30 aziende specializzate nella produzione di semiconduttori, avrebbero incrementato i prezzi dei loro prodotti nella misura indicata poco sopra. Tuttavia pare che alcune specifiche categorie di circuiti integrati abbiano visto il loro prezzo schizzare alle stelle, con aumenti quantificabili sull’ordine delle dozzine di volte."

fonte


6) Anche le stangate in bolletta fanno fare il boom del PIL...

Allora sto PIL che sale; merita di stappare una bottiglia o dovrebbe consigliarci di risparmiare anche quei due soldi per quello che verrà?
In altre parole, il PIL in aumento da cosa è composto? Dal benessere dei cittadini che tornano a spendere o dai poveri cittadini sempre più spremuti per fare tornare i conti allo Stato (e a chi ha in mano le carte migliori al tavolo del monopoli)?


 

bollette record
Anche le stangate in bolletta fanno aumentare il PIL...
L'aumento dei costi fissi in bolletta, quindi non legato all'aumento dei consumi ma essendo prelievi forzosi, possono fare bene all'economia?
L'aumento dei costi fissi in bolletta, quindi non legato all'aumento dei consumi ma essendo prelievi forzosi, possono fare bene all'economia?
I costi fissi nella bolletta elettrica. L'esempio nel libro di Economia Spiegata Facile a pagina 218
I costi fissi nella bolletta elettrica. L'esempio nel libro di Economia Spiegata Facile a pagina 218

E questa, signori miei, si chiama inflazione nascosta, come l'abbiamo definita nel libro di Economia Spiegata Facile.
Volete altri esempi?

I 350 euro per aggiornare le casse di ciascun negoziante pur di andare in contro al
flop della lotteria degli scontrini ha aiutato a realizzare il boom del PIL

Provate a fare un sondaggio tra i negozianti che vi circondano.
Basta andare a campione. Fate una prova.

Io l'ho fatta...
Persino una piccola paninoteca da poche decine di scontrini al giorno ha dovuto sborsare 350 euro per adeguarsi.
Alla domanda: "in quanti ti hanno chiesto di fare la lotteria?" la risposta è stata: "pochissimi; quasi nessuno".

 

lotteria degli scontrini

fonte

E intanto invece di incentivare il lavoro lo Stato ha incentivato tutto il resto...

Bonus monopattino? Soldi pubblici e privati regalati agli stranieri

 


 

Reddito di cittadinanza e boom del PIL

 

 

7) il superbonus del 110%

Esempi virtuosi ne abbiamo?

Per fortuna sì. Se una cosa buona il Governo Conte bis l'ha fatta è proprio il super bonus del 110% per la ristrutturazione dei vecchi immobili.
Sta dando buoni frutti nel momento in cui è in funzione.
Il comparto edilizio non vedeva così tanto lavoro da anni.

Insomma quando gli incentivi si danno per creare lavoro invece che per arricchire le fabbriche straniere, l'effetto moltiplicatore dà i suoi frutti.
Il moltiplicatore keynesiano è spiegato con dovizia di particolari nel nostro libro. Per chi non ha tempo di scendere nei dettagli, ecco un accenno tratto da L'Economia Spiegata Facile:

Il moltiplicatore keynesiano spiegato facile
Il moltiplicatore keynesiano spiegato facile a pag. 78 del libro di Economia Spiegata Facile

 

CAPIRE L'ECONOMIA NON È MAI STATO COSÌ FACILE...

copertina del libro di economia spiegata facile QUARTA EDIZIONE

riconoscimenti e premi al libro di Economia Spiegata Facile

CON PAGAMENTO SICURO E CRIPTATO

 

 

Quello che ti voglio dire è che anche le stangate in bolletta fanno aumentare il PIL... ma se dall'altra parte, cioè alla voce delle entrate, non c'è un valore superiore, significa che tu ogni mese che verrà sarai sempre più povero.

Questa è ciò che nel libro di Economia Spiegata Facile abbiamo chiamato "inflazione nascosta"!
E nei giornali va peggio, perché la camuffano da successone!

Il problema è che i politici sperano di riempirci i frigoriferi coi titoloni e intanto tirano a campare fino a quando si spariglieranno le carte e in campagna elettorale sarà tutto uno scarica barile contro tutti.

Ma tu che non sei fesso, e adesso hai scoperto il giochino, non ci cascherai anche la prossima volta... vero?

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Un pensiero su “Boom del PIL, chi dice la verità fra i titoli sui giornali e frigoriferi vuoti? Scopriamolo in 7 punti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.